Veroconsumo - Associazione indipendente di Consumatori e Famiglie

Bonus bebè: definite tempistiche modalità e redditi per ottenerlo
di Federico Arcidiacono

Il nucleo familiare deve presentare un Isee non superiore ai 25.000 €

Tags: Bonus Bebè, Isee



ROMA - Sono state definite le tempistiche e le modalità per poter usufruire del bonus bebè per l’anno 2015. La nuova normativa, approvata tramite il decreto legge del 10 aprile dal Consiglio dei ministri, ha reso effettive le modifiche al bonus previste dalla legge di stabilità del 2015.

Con la circolare 93 dell’8 maggio 2015 l’Inps ha fornito tutte istruzioni operative e tecniche per la disciplina della prestazione. In base a quanto si legge, la domanda per ricevere il bonus deve essere presentata da uno dei genitori che, al momento della presentazione, deve risiedere in Italia insieme al figlio per cui si intende richiedere il bonus. L’assegno può essere erogato per ogni bambino nato o adottato, a decorrere dal momento in cui entra far parte della famiglia. Per quanto concerne i requisiti economici, il nucleo familiare deve presentare un Isee con un valore non superiore ai 25.000 euro annui. In tal caso l’assegno equivale ad un valore di 80 euro mensili. Se il valore dell’Isee è, invece, inferiore a 7.000 euro annui, l’importo dell’assegno raggiunge i 160 euro mensili. In entrambi i casi le decorrenze rimangono invariate, mentre la durata del sussidio è stata fissata al terzo anno di vita del bambino. Nel caso in cui il bambino sia stato adottato, il bonus verrà erogato fino al terzo anno di permanenza in famiglia.

L’iter per poter presentare la domanda ed ottenere il bonus è di natura telematica. I moduli sono compilabili sul sito dell’Inps ed inoltrabili tramite l’apposito codice Pin. Nel caso in cui non si fosse in possesso del codice è possibile rivolgersi ad un patronato, un Caf o un consulente abilitato che fornirà i moduli necessari e li inoltrerà all'istituto di previdenza.

I lati negativi della procedura, di cui è necessario essere a conoscenza per non rischiare di perdere il bonus, non mancano neanche in questo caso. I termini sono tassativi e prevedono che la domanda sia presentata entro 90 giorni dalla nascita del bambino, o dall'entrata in famiglia dello stesso nel caso dell’adozione.

È altresì importante tenere a mente che il bonus bebè spetta ai figli nati tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. Se i termini sono rispettati l’assegno verrà erogato a partire dalla nascita del bambino, non perdendo quindi nessuna mensilità, se non vengono rispettati si percepiranno i contributi a partire dal mese in cui avviene la domanda, perdendo le mensilità precedenti. Dopo la presentazione l’Inps valuterà la domanda e, controllato i dati forniti tra cui l’Isee, deciderà se erogare o meno il contributo ed in quali somme. La domanda del bonus va presentata solo una volta per i tre anni della sua durata, ma l’Isee va aggiornato annualmente.


Articolo pubblicato il 21 maggio 2015
Bookmark and Share

RSS© 2009 Veroconsumo, Associazione indipendente di Consumatori e Famiglie - C.F. 93160180878 - Tutti i diritti riservati
Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Hosting Impronte digitali