Veroconsumo - Associazione indipendente di Consumatori e Famiglie

Diritti dei passeggeri
Carta dei diritti del turista 2009-2010 preziosa bussola che la Regione Siciliana fornisce a tutti coloro che vogliono trascorrere le loro vacanze in Sicilia, senza perdere di vista il rispetto dei loro diritti di consumatori.
 
Regolamento (CE) n.261/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’11 febbraio 2004 istituisce regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato. Il regolamento, pubblicato in GUCE 17 febbraio 2004, in vigore dal 17 febbraio 2005, stabilisce compensi da 250 a 600 euro per il negato imbarco, a seconda della lunghezza delle tratte, e obbligo di assistenza. Il viaggiatore ha comunque diritto a titolo gratuito a pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa; alla sistemazione in albergo; al trasporto tra l’aeroporto e il luogo di sistemazione, nonché ad effettuare a titolo gratuito due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.
 
Sentenza del 19 novembre 2009 della corte di Giustizia Europea (Quarta Sezione) ha statuito misure per la compensazione pecuniaria da elargire al viaggiatore in caso di cancellazione del volo o ritardo superiori alle 3 ore , a meno che il vettore aereo non sia in grado di dimostrare che il ritardo o la cancellazione sono conseguenza di “circostanze eccezionali” che non si sarebbero potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso.
 
Convenzione di Montreal 1999 entrata in vigore in Italia il 28 giugno 2004 per l'unificazione di alcune regole relative al trasporto aereo internazionale. La Convenzione è stata elaborata nel corso di una Conferenza svoltasi con la partecipazione di più di 30 Stati, i cui delegati si sono prefissi tre obbiettivi specifici:
  • Creare delle regole semplici e chiare per risolvere il contenzioso discendente dagli incidenti del trasporto aereo (morte o infortunio del passeggero, perdita delle merci o del bagaglio);
  • Contenere entro certi valori pecuniari massimi la responsabilità del vettore, qualunque sia la sua natura, contrattuale o extracontrattuale;
  • Fissare un certo numero di giurisdizioni esclusivamente competenti, evitando la disseminazione di azioni giudiziarie, cui un fenomeno come il trasporto aereo, per i suoi caratteri preminenti di internazionalità, può dare luogo.
 

RSS© 2009 Veroconsumo, Associazione indipendente di Consumatori e Famiglie - C.F. 93160180878 - Tutti i diritti riservati
Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Hosting Impronte digitali